Ricerca








Il potere di Euterpe

Musicoterapia a scuola e con l'handicap

 

Recensione

Volti di bambini deprivati, impauriti, in corpo una rabbia antica, incontrano la musicoterapia. Sofferenza e disagio tra i banchi di scuola e oltre nel mondo dell’handicap trovano l’orecchio che ascolta, la voce che risponde, il suono che abbraccia.
Con linguaggio metaforico, in ambiente sonoro, particolarmente evocativo, ove le parole intrecciate a suoni penetrano sentimenti lisi, le autrici si raccontano. La speranza di riuscita che le anima costituisce una ricchezza ed uno stimolo per chi lavora in ambito musicoterapico vicino ai bambini figli dell’inquietudine umana.
La musicoterapia può essere via privilegiata alla prevenzione e alla riabilitazione? La proposta sperimentata in collaborazione interdisciplinare con Psicologia e Pedagogia evidenzia i contatti e i reciproci stimoli disciplinari, in un progetto di alto valore creativo e terapeutico.
Le vicende fanno parte di una realtà sociale vissuta all’interno di istituzioni coraggiose nel riconoscere alla musicoterapia il significato educativo e rieducativo dei suoi interventi.
Gli esempi aprono ad approfondimenti di carattere legislativo, professionale e formativo, per nuove realtà che contribuiscano ad arricchire il panorama scientifico e didattico della disciplina, superando visioni superficiali e banalizzanti offerte a volte dai massmedia.
Il lavoro si rivolge non solo al mondo della musicoterapia e alle scuole di formazione, ma anche a musicisti, psicologi, medici, pedagogisti, insegnanti, assistenti ed operatori nei vari campi delle discipline collaterali…e, non per ultimo, ai genitori.

Indice

  Presentazione pp. 9-10    
  Introduzione. Euterpe, colei che rallegra pp. 11-22    
  La Musa    
  Eudologia, la scienza della gioia    
  La gioia nella vita e nella storia    
  La gioia come fattore curativo in terapia    
  La gioia come facilitatore di sviluppo umano in educazione    
  Parte prima - Esperienze in ambito scolastico    
Cap.1 Anche a scuola si può pp.23-25    
  Musicoterapia nell'autonomia scolastica    
Cap.2 Il quartetto: le grandi scoperte pp. 26-53    
2.1 Giovanni    
2.2 Francesco    
2.3 Alberto    
2.4 Mario    
2.5 Il primo incontro    
2.6 Alla ricerca di un dialogo musicale    
2.7 Movimento e voce: due prigionieri da liberare    
2.8 Come uomini-pesce    
2.9 Un invito    
2.10 Suono, quindi sono    
2.11 Voce ed emozioni    
2.12 Un piccolo incidente    
2.13 Il trio diventa quartetto    
2.14 Sentiero minato con Mozart    
2.15 Una decisione    
2.16 Musica, si cambia...    
Cap.3 Stefano, il bambino che incontrò la sua voce pp. 54-60    
3.1 In esplorazione    
3.2 Quel ritmo che mi disturba...    
3.3 ...e poi si spezza    
3.4 Io sono la voce    
Cap.4 Cecilia, l'arrivo del ciclone pp. 61-72    
4.1 Prime raffiche di vento    
4.2 Incantesimi    
4.3 L'abbandono    
4.4 Il funerale    
4.5 Rischiare    
  Parte seconda - Esperienze dal mondo dell'handicap    
Cap.1 Giulio: che tempo farà? pp. 73-79    
1.1 Entra Elvis    
1.2 Dalla pressione all'espressione    
1.3 Trasformazioni lente    
1.4 Considerazioni    
Cap.2 Francesca pp. 80-88    
2.1 Francesca e le sue piccole, grandi paure    
2.2 Frncesca e il suo congedo    
Cap.3 Uno sguardo sui gruppi: conquiste ludiche pp. 89-93    
3.1 L'improvvisazione tematica: passeggiata segreta in una vecchia soffitta    
3.2 Giocare al litigio: dialogo musicale con il timpano    
3.3 La canzone della farfalla: superare l'handicap cantando    
  Parte terza - La musicoterapia    
Cap.1 Che cosa è la musicoterapia pp. 95-100    
1.1 Alcune definizioni    
1.2 Pratiche musicali e musicoterapeutiche non identificabili con la musicoterapia    
1.3 Indicazioni e controindicazioni    
Cap.2 Strumenti e setting pp. 101-105    
2.1 La scoperta    
2.2 Il significato    
2.3 Gli strumenti    
2.4 Lo spazio    
Cap.3 Obiettivi e fattori curativi della musicoterapia pp. 106-116    
3.1 Diagnostica clinica    
3.2 Rappresentazione di stati e conflitti intrapsichici    
3.3 Elaborazione non verbale del conflitto    
3.4 Avvio dei processi di maturazione nei disturbi psichici generalizzati precoci    
3.5 Apertura dei canali neurovegetativi per la comunicazione    
3.6 Trasformazione e strutturazione di stati di disintegrazione nelle situazioni di personalità frammentata    
3.7 Creazione del senso della realtà tramite la simbolizzazione    
3.8 Liberazione catartica di emozioni latenti e di traumi    
3.9 Stimolazione della libera associazione    
3.10 Avvio della manifestazione di patterns interazionali e loro trasformazione    
Cap.4 Alla ricerca di fattori curativi: esperienze di laboratorio pp. 117-121    
4.1 Suoni di corda per me e improvvisazioni dialogiche    
4.2 Onde di oceano contro una minaccia    
Cap.5 Identità della musicoterapia pp. 122-127    
5.1 L'area dell'operatività    
5.2 L'appartenenza ad una scuola, un'associazione    
5.3 I vari convegni    
5.4 Il processo di ricerca    
5.5 Due contributi epistemologici    
Cap.6 Dal fare musica alle tecniche musicoterapiche pp. 128-134    
6.1 Musicoterapeutica: come si impara?    
6.2 Autoesperienze    
  Parte Quarta- Prevenzione e riabilitazione    
Cap.1 Prevenzione come progetto futuro pp. 135-140    
1.1 Obiettivi della prevenzione in ambito scolastico    
Cap.2 Obiettivi della prevenzione nel mondo dell'handicap pp. 141-147    
2.1 Prevenire la rottura o la deformazione della relazione madre-bambino, genitore-bimbo, madre-padre    
2.2 Prevenire inibizioni dello sviluppo motorio, cognitivo e comunicativo    
2.3 Prevenire la nevrotizzazione secondaria    
Cap.3 Obiettivi della terapia e della riabilitazione nel mondo dell'handicap pp. 148-152    
3.1 Assunti di base    
3.2 Le tipiche aree di individuazione degli obiettivi specifici    
  Conclusioni pp. 153-154    
  Bibliografia pp. 155-159