Ricerca








L’ascolto terapeutico

Tre percorsi musicali

 

Recensione

Molti segnali sembrano oggi confermare che la musica è destinata a diventare uno dei principali strumenti di guarigione all’inizio del prossimo millennio. Questo libro si occupa dell’aspetto centrale del processo musicoterapeutico: l’ascolto, inteso soprattutto come momento psicologico si intense emozioni. E propone per la prima volta, in modo chiaro ed esauriente, tutti gli elementi necessari a un corretto ascolto terapeutico- modi, luoghi, motivi, tempi, musiche- e fornisce una dimostrazione concreta di approccio creativo alla musicoterapia immaginativa: al libro è infatti allegato un CD contenente tre percorsi sonori, della durata di 20 minuti ciascuno, costruiti espressamente per portare l’ascoltatore da uno stato d’animo negativo- come la tristezza, la solitudine e lo stress- al corrispondente stato positivo. Un’esperienza che grazie alle indicazioni del libro, ciascun lettore potrà ricreare e continuare, applicandola ad altri stati d’animo.

Indice

  Prefazione pp. 1-4    
  PARTE PRIMA - Dalla musica alla musicoterapia    
Cap. 1 Musica e terapia fra mito, religione e scienza pp. 7-16    
Cap. 2 Che cos'è la musicoterapia pp. 17-20    
  La musicoterapia immaginativa    
  PARTE SECONDA - L'ascolto terapeutico    
Cap. 3 I modi dell'ascolto: fattori musicali ed extramusicali pp. 23-34    
3.1 Fattori musicali    
3.2 Fattori extramusicali    
Cap. 4 I luoghi dell'ascolto pp. 35-38    
Cap. 5 I motivi dell'ascolto pp. 39-47    
  PARTE TERZA - La scelta della musica    
Cap. 6 Come costruirsi la colonna sonora della propria vita pp. 51-55    
Cap. 7 Scelte musicali: una discografia sterminata pp. 57-63    
Cap. 8 I tempi dell'ascolto pp. 65-69    
  PARTE QUARTA - Dalle parole...alla musica    
Cap. 9 Dalla tristezza alla gioia pp. 73-79    
Cap. 10 Dalla solitudine all'incontro pp. 81-89    
Cap. 11 Dallo stress al rilassamento pp. 91-101    
  APPENDICE - Guida alle etichette pp. 103-111    
  Note pp. 112-116    
  Bibliografia pp. 117-119